BERNARDINO LUINO

Evocazioni realiste.

Natura morta con cornice
Natura morta con cornice

2014, olio su tavola, 30,6 x 36 x 3 cm.

press to zoom
Porta Genova (Milano)
Porta Genova (Milano)

2013, olio su tavola, 24,3 x 31 cm.

press to zoom
Riflessi nell'azzurro del mare
Riflessi nell'azzurro del mare

1997, acrilico su tavola, 45 x 18 cm.

press to zoom

Dal 31 gennaio al 31 marzo 2017

Testo in catalogo: Giovanni Faccenda

Le essenze della pittura di Luino.

Sedia,lenzuolo e finestra
Sedia,lenzuolo e finestra

s.d., olio su tela, 30 x 40 cm.

press to zoom
Studio per un carciofo
Studio per un carciofo

2008, tecnica mista su cartone, 22,8 x 19 cm.

press to zoom
Oggetti e divano
Oggetti e divano

1994-1995, tempera all'uovo su tavola, 35,5 x 37 cm.

press to zoom
29 Opere - dal 1987 al 2016
DISPONIBILE IN GALLERIA

<<Uno dei maggiori e più frequenti fraintendimenti, in molte letture critiche riconducibili in particolar modo agli ultimi due decenni, riguarda quanto appartenga a un ambito pregiato del realismo – che, chi scrive, in passato ebbe per primo a definire evocativo –, e non già alla rarefatta e aristocratica riserva della metafisica. Ricordato, peraltro, come proprio De Chirico tenesse ogni volta ad affermare che non è il soggetto di un dipinto, ma la pittura stessa – intesa nelle sue qualità intrinseche – a rivelare la propria identità metafisica, giova piuttosto rivisitare oggi, con il dovuto approfondimento esegetico e nel rispetto di un ordine cronologico preciso, la genesi di un lessico espressivo abitato da entità invisibili e fascinazioni arcane  – il realismo evocativo, appunto –, del quale sono nobili interpreti alcuni fra i più significativi e talentuosi pittori contemporanei. Bernardino Luino, fra questi, è la figura che più di ogni altra incarna, con limpidezza emblematica, il fecondo sostrato di tre fondamentali stagioni precedenti: il Realismo magico (Donghi e Cagnaccio di San Pietro), i «Pittori Moderni della Realtà (Annigoni, Sciltian e i due Bueno) e una successiva evoluzione sempre del realismo – invero dai contenuti e dalla temperatura endogena alquanto differenti – che un acuto osservatore, quale Marco Valsecchi, nel 1956 a ragione definì di natura «esistenziale»: una tendenza, questa, influenzata dalla filosofia di Sartre, che ebbe a caratterizzare, almeno fino alla prima metà degli anni Sessanta, il lavoro di un gruppo di artisti (Banchieri, Bodini, Ceretti, Ferroni, Guerreschi, Romagnoni e Vaglieri) attivi a Milano nel medesimo torno di tempo…>>

Estratto dal catalogo di Bernardino Luino - Galleria Marini - testo di Giovanni Faccenda
Armadio nella camera
Armadio nella camera

1987, olio su tavola, 76,5 x 75 cm.

press to zoom
Interno con pianoforte
Interno con pianoforte

2016, olio su tavola, 54,2 x 54,2 cm.

press to zoom
Natura morta con uva
Natura morta con uva

2014, olio su tavola, 39,5 x 37,5 cm.

press to zoom